giovedì 13 agosto 2015

LA SAGGEZZA VERA È 'UN DONO DI DIO - Pr, 9,1-6


LES COMMENTAIRES DE MARIE-NOËLLE THABUT

(traduzione Google dal francese)

LA SAGGEZZA VERO E 'UN DONO DI DIO - Pr, 9,1-6

Ovunque, in tutta la terra da quando il mondo è mondo, gli uomini hanno sollevato pensieri, massime, proverbi: una saggezza che è accessibile a tutti, indipendentemente dalla nascita o cultura. Ovunque anche scuole filosofiche offrono una riflessione più elaborato: in Israele, Salomone, sotto l'influenza egiziana, gli scribi della corte di Gerusalemme si riuniscono tutta questa ricchezza. Il libro dei Proverbi, leggiamo un estratto di Domenica, è il risultato di una raccolta di tutti questi riflessioni origini e diverse epoche fin dai tempi dei re fino al ritorno del babilonese (in ritardo V secolo). Altri saggi continuano il lavoro e noi dobbiamo loro il libro del Siracide (Siracide o Ben) a 180 avJ.C. e il Libro della Sapienza (Solomon disse), a 50 aC
Tutte queste frasi hanno accumulato più di un tratto comune con i popoli vicini; tuttavia, la saggezza di Israele ha accenti particolari, per questo la gente ha scoperto che Dio solo conosce la vera saggezza e che tutta la saggezza umana possono essere ricevuti solo da lui. La storia del peccato di Adamo era un modo di dire pittorica questa scoperta fondamentale: che la conoscenza di ciò che realmente ti rende felice o infelice (l'albero della conoscenza) è accessibile solo Dio, non solo l'uomo (Gen 2: 8-3, 24). Tuttavia, l'uomo che ha accettato di vivere sotto la legge di Dio, l'albero della vita (la sapienza di Dio) ha offerto il suo frutto permanente: la storia della Genesi (capitoli 2-3) è andato lontano. Proverbi trascritto questa tradizione: "Felice è colui che ha trovato la sapienza ... L'albero della vita è per coloro che cogliere, e beati coloro che lo detengono. "(Pr 3, 13-18).

Dio rivelato SAPIENZA SA ISRAELE
Meglio ancora, la scelta di questo piccolo popolo e facendo alleanza con Dio rivelò la sua saggezza. E questo è oggi la più grande fonte di Israele di orgoglio: è il volto del mondo del popolo depositario della sapienza di Dio: perché «Così dice il Signore: Un uomo saggio non vanta della sua saggezza! Che l'uomo forte non si vanta della sua forza! I ricchi non si vanta della sua ricchezza! Se qualcuno vuole vantarsi, si vanta di questo: di essere abbastanza intelligente per sapere me stesso, il Signore che piatti fuori la bontà vera, la giustizia e la giustizia sulla terra "(Ger 9: 22 -23). Ora la saggezza è "piantato la sua tenda" sul monte santo di Gerusalemme. Ci ha "costruito la sua casa sette colonne e scolpito" Settembre è come figura conosciuta di pienezza; che non ci sorprende: La saggezza è così prezioso che lei si presenta come un palazzo, o meglio anche in un tempio sostenuto da sette pilastri; e re e sacerdoti dovrebbero essere i primi custodi. Ma lei vuole offrire a tutti: lì, lei offre generosamente la sua festa: "Ha ucciso i suoi animali, ha preparato il suo vino, impostare il suo tavolo, e mandò i suoi servi. "E lei urla il suo invito dalle alture della città, per essere sicuri di essere ben compreso da tutti. "Un senso manca, dice: Venite, mangiate il mio pane, e bere il vino che io ho preparato! "
Per inciso, si è tentati di fare il collegamento con la parabola degli invitati al matrimonio sviluppate da Gesù ", va il regno dei cieli è simile a un re che fece un banchetto di nozze per suo figlio. Egli mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze a. "(Mt 22, 2-3). E il resto lo sai: «Ma non sarebbe venuto. "Perché si è sempre libero di rifiutare un invito: il testo dei Proverbi, l'invito è rivolto a tutti i passanti", la cui mancanza di buon senso, ha detto, "Vieni mangiare il mio pane, e bere il vino che io hanno preparato! "Rifiuta l'invito è di rifiutare l'accesso alla saggezza è quello di rimanere nella nostra stupidità naturale. Per "l'uomo che manca di buon senso" è ognuno di noi, se ci basiamo sulle nostre risorse, noi aderire alla saggezza che un dono di Dio; deve ancora accettare l'invito ...
e impegnarsi sulla via della sua casa: "Esci vostra spensieratezza e vivere, seguire il percorso di intelligenza"
Ritroviamo qui il tema dei due canali è l'immagine di scelte disponibili per la nostra libertà.
Il libro del Deuteronomio, soprattutto, restituisce spesso: "Si deve scegliere la vita" (Dt 30, 20) ... "io ti ho posto davanti la vita e la felicità, la morte e il male, che io vi comando oggi ' hui di amare il Signore tuo Dio, seguire i suoi sentieri, osservare i suoi comandamenti ... perché tu viva ... Ma se il tuo cuore si volge indietro ... allora io vi dico, voi completamente svanire. "(Dt 30, 15 ... 18).
La scelta di obbedienza ai comandamenti del Signore è l'unico modo per la felicità per l'uomo; viceversa, la scelta della disobbedienza è una pendenza verso la morte.
Il libro dei Proverbi contiene il tema dei due canali in un molto impressionate sortali questi due atteggiamenti come tratti femminili, Dame Dame saggezza e follia; si presenta a noi nei seguenti versetti del nostro testo di questa Domenica: "Lady follia è chiassosa, stupido e sono sentito niente" (Proverbi 9, 13); mentre Lady Saggezza può dire: "Chi mi trova trova la vita e ha incontrato il favore del Signore ... Dare vertigini e vivere! Poi vai in termini di intelligenza. "(Prov 8, 35; 9: 6). A piedi il Signore è vera saggezza; è una follia andare in senso inverso e girare e tornare alla luce e alla vita.
Infine, la Sapienza di Dio, come si è visto, è qui personificato; tuttavia, nessun errore: questo è un'allegoria: il monoteismo del Vecchio Testamento è rigorosa, non si tratta di progettare la Sapienza di Dio come una persona intera.
------------
Complemento
La Sapienza di Dio, abbiamo visto, è qui personificato; tuttavia, nessun errore: questo è un'allegoria: il monoteismo del Vecchio Testamento è rigorosa, non si tratta di progettare la Sapienza di Dio (e non è lo Spirito Dio) come una persona intera.

Nessun commento:

Posta un commento

se mi scrivete mi fate piacere