martedì 8 marzo 2016

GEOGRAFIA BIBLICA


GEOGRAFIA BIBLICA

La Bibbia sottolinea la verità, l'evento della Rivelazione. Ogni luogo è nominato perché proprio lì, e non altrove, il Padre ha compiuto la salvezza. Quel «lì» vuol soprattutto indicare che non è ideologia, non è speculazione, non è ideale, per quanto bello, ciò che la Chiesa chiede sia creduto. Deve essere creduto, perché è. Deve essere creduto perché è avvenuto, nel mistero della libertà di Dio. Una «geografia della salvezza» è coessenziale alla «storia della salvezza». Anche essa esprime la libera scelta del dono del rivelarsi di Dio.

D'altro canto, a differenza di una credenza feticistica, la fede cristiana afferma che ovunque si celebri l'Eucarestia, si annunzi la Parola, ovunque si celebri il sacramento della Riconciliazione, ovunque si trovi la viva voce e il gesto della Chiesa si incontra la presenza viva del Signore risorto. Il “luogo” è stato “luogo santo” una volta per tutte, ma, da allora, ogni luogo, soprattutto ogni persona, è una “storia sacra”.
Da qui la bellezza della tradizione del pellegrinaggio, che rimette in contatto con l'inizio della Tradizione, ma la sua non necessità.
La Tradizione, che trova il suo culmine nei Giubilei, celebrati a partire dal 1300, ha inoltre sottolineato la molteplicità dei luoghi di pellegrinaggio, proprio a sottolineare tutte le tappe bibliche e tutte quelle successive della storia della Chiesa, ma si è incentrata su due centri vitali. Così scriveva Giovanni Paolo II nella bolla di indizione del Giubileo dell'Anno 2000 Incarnationis mysterium , insistendo sul ruolo unico di Roma e della Terra Santa:
“Il Grande Giubileo dell'Anno 2000 sarà un evento che verrà celebrato contemporaneamente a Roma e in tutte le Chiese particolari sparse per il mondo, e avrà, per così dire, due centri: da una parte la Città, ove la Provvidenza ha voluto porre la sede del successore di Pietro, e dall'altra, la Terra Santa, nella quale il Figlio di Dio è nato come uomo prendendo la nostra carne da una vergine di nome Maria (cfr. Lc 1, 27). Con pari dignità e importanza il Giubileo sarà pertanto celebrato, oltre che a Roma, nella Terra a buon diritto chiamata «santa» per aver visto nascere e morire Gesù. Quella Terra, in cui è sbocciata la prima comunità cristiana, è il luogo nel quale sono avvenute le rivelazioni di Dio all'umanità”.
Un unico disegno provvidenziale lega l'apparire del mistero nascosto nei secoli in Terra Santa e la presenza e il martirio di Pietro e Paolo nella città di Roma, un unico disegno che continua nella viva Tradizione della Chiesa di ogni tempo.

I LUOGHI DELLA BIBBIA
La regione naturale comunemente conosciuta con il nome di Israele o Palestina è collocata nella zona meridionale della costa più orientale del Mediterraneo, suddivisa attualmente tra i moderni stati di Israele e Giordania, interessando in piccola parte anche il Libano e la Siria.
Nella Bibbia questo territorio viene chiamato in 5 modi diversi: Terra di Canaan (Es 15, 15), Terra di Israele (1Sam 13, 19), Terra Santa (Zc 2, 16), Giudea (Lc 1, 5 e At 10, 37), Terra promessa (Eb 11, 9). Molti studiosi recenti tendono, con ragione, ad identificare i Cananei (gli abitanti appunto della terra di Canaan) con i “fenici” dell'interno, essendo non solo la lingua, ma anche tutto il sistema religioso e culturale assimilabile in pieno con il loro.
L'Israele biblico può essere suddiviso longitudinalmente in quattro fasce ben distinte:
La Transgiordania, ad est del Giordano, è un altopiano diviso da quattro fiumi (Zered, Arnon, Iabbok e Iarmuk) in cinque regioni geografiche che, da sud a nord, sono Edom, Moab, Ammon, Galaad e Bashan, nomi che spesso si ritrovano nella Bibbia. Edom, Moab e Ammon (da cui proviene l'attuale nome della capitale della Giordania, Amman) sono esistiti come stati indipendenti spesso in lotta con l'Israele veterotestamentario.
La fossa giordanica, lunga 440 km. E' la depressione più profonda della superficie terrestre, raggiungendo i 396 metri sotto il livello del mare, nel Mar Morto. Si divide in quattro parti: quella delle sorgenti del Giordano e del lago di Tiberiade, quella del Giordano (“Giordano” significa “forte corrente”), quella del Mar Morto e, infine, quella dell'estremo sud detto “l'Araba”.
La zona centrale della Palestina è la più importante per la storia e per la Bibbia. Può essere idealmente divisa in tre fasce orizzontali.
Al nord la Galilea caratterizzata da una scia di colline settentrionali e da una vasta e fertile pianura detta di Izreel o di Esdrelon. E' la scena della vita privata del Cristo e del suo primo ministero pubblico (Nazaret, Cafarnao, lago di Tiberiade, Cana, ecc.). E' suddivisa a sua volta in Alta Galilea, a partire dalle pendici del monte Hermon, e Bassa Galilea
Al centro la Samaria così denominata dalla sua capitale, sede di uno dei due regni in cui si spezzò l'impero di Salomone, alla sua morte. Oltre a Samaria ricordiamo le città di Sichem, Betel e Shilo
A sud la Giudea, formata da monti, altopiani e deserto e centrata su Gerusalemme. E' lo scenario della seconda parte del ministero pubblico di Gesù e della sua morte e risurrezione. Verso la zona meridionale essa diventa molto arida e desolata. L'altezza media dei monti è sugli 850 metri
La fascia costiera che, ai tempi dell'Antico Testamento era abitata dai “filistei” (è da loro che deriva il nome di “Palestina”), gruppo appartenente ai cosiddetti “popoli del mare” che invasero le coste del Mediterraneo orientale intorno al 1200 a.C., come risulta dai testi egiziani dell'epoca e dalle evidenze archeologiche.
Infine è da considerare la zona desertica a sud, quella del deserto del Neghev. E' subito a ridosso delle città di Beersheba e di Arad, dopo le quali comincia il deserto, differente da quello del Sinai, con il quale pure è contiguo.

BST: BIBBIA SUL TERRENO
Il progetto BST, “La Bible sur le terrain”, “La Bibbia sul terreno”, nasce da p.Jacques Fontaine, domenicano francese, primo compagno di p.Bruno Hussar, nella fondazione della Casa Sant'Isaia, nel 1960, nella Gerusalemme Ovest israeliana, come casa dei domenicani per lo studio dell'ebraismo, simile a ciò che rappresenta il Centro di Studi islamici dei domenicani del Cairo.
La BST si propone di far conoscere, attraverso la lettura diretta della Scrittura ed il racconto delle storie bibliche, la Bibbia a tutti i partecipanti ai suoi itinerari. Nella consapevolezza della grande ignoranza che esiste riguardo alla storia biblica, l'itinerario della BST, nei 15 giorni della sua durata, fa conoscere l'intera sequenza dei fatti testimoniati dalle Sacre Scritture.
La lettura od il racconto dei testi, avviene, appunto, “sul terreno”. Vengono, cioè, privilegiati i luoghi naturali in cui la storia della rivelazione di Dio si è manifestata, di modo che ogni libro è raccontato in un ambiente simile a quello descritto dagli autori sacri. I primi cinque giorni, in cui viene letto il Pentateuco, ad esempio, vedono notti all'addiaccio nel deserto e lunghe camminate sotto il sole, in paesaggi simili a quelli dell'Esodo e, prima ancora dei patriarchi, dove non è possibile, addirittura, sostare proprio nei luoghi più precisamente identificati dalla Scrittura. Dal sesto al decimo giorno la BST privilegia la verde Galilea con soste su luoghi panoramici sul lago di Tiberiade o passeggiate alle sorgenti del Giordano, luogo della professione di Pietro, in modo da gustare i luoghi della vita nascosta e della predicazione di Gesù. Infine, salendo in due giorni lungo la strada romana che da Gerico sale a Gerusalemme, nel deserto di Giuda, si arriva a rivivere la “grande settimana” della presenza di Gesù Cristo a Gerusalemme, fino all'esperienza di Emmaus.
Da alcuni anni la BST è co-organizzata dalla Diocesi di Parigi, attraverso p.Henry de Villefrance. L'attuale situazione di conflitto ne ha causato da poco la momentanea sospensione.
In Italia esistono tre VHS di mezz'ora l'uno, realizzati dal regista Enzo Labor, che ne presentano l'itinerario. Sono in visione all'interno del percorso espositivo de “L'ignoranza delle Scritture”.
Una selezione di immagini dell'itinerario BST è presentata nella mostra anche attraverso una animazione di foto al computer, suddivisa nelle differenti regioni geografiche che caratterizzano la Terra Santa.

Nessun commento:

Posta un commento

se mi scrivete mi fate piacere